Monte Albano - giorgiobonazzi

Giorgio Bonazzi
Vai ai contenuti

Menu principale:

Monte Albano

Montagna > Ferrate



2010

Ferrata molto difficile.
ZONA Mori (TN)
BELLEZZA XXXX
ACCESSO Mori
QUOTA MASSIMA 660m
DISLIVELLO TOTALE 300m (ferrata 200m)
TEMPO DI PERCORRENZA 3 ore
Affrontando questa ferrata tre cose rimangono impresse: l'esposizione, l'atleticità e la roccia unta. Come già specificato nelle caratteristiche introduttive si tratta di una via molto difficile per i lunghi tratti che richiedono forza di braccia nella progressione anche a causa della roccia molto unta dal passaggio di migliaia di persone. Per la forte esposizione, la roccia è sempre verticale se non strapiombante, è consigliata solo a chi ha dimestichezza con le vie ferrate. Quindi, riassumendo, ci vuole una buona preparazione fisica ed esperienza; non è adatta ai principianti.
Altro consiglio fondamentale: la parete è esposta a sud quindi evitate il periodo estivo o le giornate calde e comunque portatevi da bere!
Parcheggiata la macchina nel paese di Mori seguite le indicazioni per il santuario, il percorso botanico o la ferrata tenendo come riferimento il santuario che domina il paese. Arrivati al santuario parte il sentiero, indicazioni, che porta all'attacco della ferrata. I primi cinque metri non sono attrezzati e costituiscno il test di ammissione: se non vi sfracellate al suolo avete buone possibilità di arrivare fino in cima.
Da subito la roccia è moooooolto unta e brilla come un pavimento di marmo; quindi il posizionamento dei piedi diventa fondamentale.
Il primo tratto è uno dei più atletici e probabilmente vi ritroverete con il fiato corto. Tutta la via è un susseguirsi di tratti verticali e di lunghi traversi con i piedi spesso in aderenza.
Per facilitare la progressione, nei tratti più impegnativi, oltre alla corda d'acciaio sono stati posizionati dei fittoni in ferro da usare principalmente come appoggi per i piedi ma anche come appigli.
Nei tratti verticali i fittoni che fissano la corda d'acciaio sono "protetti" da un cordino che ha lo scopo di attutire il bloccaggio del moschettone in caso di caduta; molti cordini sono rotti. Questo significa che in molti sono caduti su questa ferrata!!!
Arrivati in cima vi potrete godere il panorama da un terrazino da cui parte il sentiero di rientro. Come chiaramente indicato dai cartelli avrete due possibilità: il sentiero lungo 675 o quello corto 675b (che vi consiglio) che è anch'esso attrezzato con alcuni tratti impegnativi per la presenza della sola corda.
Il tempo di percorrenza è di circa 30 minuti per raggingere l'attacco della via, dai 60 ai 90 minuti per salire la ferrata e un'oretta per tornare in paese.
“Se un uomo non trova pace in se stesso è inutile che la cerchi altrove.”
Torna ai contenuti | Torna al menu